New Tunnel Denizens


The community of tunnel dwellers is fascinating: we all fantasize about it, don't we? We are very familiar with those we were introduced to in the episodes, but what about the others? Those we've just seen in the background, or the ones we haven't seen at all, but we know are there, living in a chamber maybe close to Vincent's....

Now we are asking you to invent new characters living Below, to populate the Tunnels and to interact with Mouse and William, Pascal and Jamie, Father, Vincent, Mary....

You can either just describe a character you create from scratch, like Manuel, or give a name and a life to a face you have seen in the episodes, like Reginald. Or you could draw a new character and put some words of description with it.

Below are some screencaps to show how many people are waiting for us to highlight them, but many more can be seen in the scenes of Beauty and the Beast, in the background.

Send your character to us at wintercandlemakers2@yahoo.com, text and image too if you have one. If sending a screencap, let us know what episode it comes from, if possible. We will add your new characters to this page.






Toby

Toby


Submitted by Kindra King




NazereneNazarene


Submitted by Catherine



Jack McKenzie

Jack McKenzie stood at about 5’10”, had brown eyes that twinkled merrily out of a round face creased with laugh lines, topped by a thatch of snow white hair that was cut close to his head.  He was the youngest of ten children born to poor, hard working Irish farmers in the county of Cork.  In his youth he had dabbled in many different professions before receiving “the call” to enter the seminary in his early twenties.  His mother was elated, proud to have a priest in the family.  His father, however, sat him down to point out the life he would be setting aside.  Jack assured him that he had given it a great deal of consideration, he had tried his hand at a few profession, had loved and been loved by several women and had come to the realization that God was calling him. 

Shortly after becoming a priest World War II broke out and he was assigned to an American army unit as a chaplain.  They say war changes you and that was true for Jack as well.  He met many people, served many different faiths beside his own and came to the conclusion that it didn’t really matter how you worshipped God, so he became everything to everybody, studying many different faiths and could minister to a wounded or dying solider in his own religious rites. 

The Ten Commandments were what he steered his life by and if the ever changing church rules suited him he followed them, if not he ignored them.  After the war his maverick attitude landed him in Africa. This suited him perfectly; his willingness to get his hands dirty and knowledge of farming matched the people’s needs admirably and Father Jack became somewhat of a legend among the flock he tended, his charismatic personality coupled with his willingness to listen, to offer advice and be non-judgmental made him a favorite with his congregation and glowing reports were sent to Rome.

His next assignment was ministering to the people of a parish in the back hills Kentucky.  He was priest, construction worker, black smith, confessor and friend.  After Kentucky he was sent to New Mexico to take over a parish there.  In time he was sent to many poverty stricken and repressed areas until the numerous glowing reports reached the ears of the mighty in the Catholic hierarchy and he was sent to St. Patrick’s Cathedral in New York City where attendance had been declining due to lack luster leadership and mismanagement.  He rallied against this assignment, not wanting to have to deal with the rich and pampered congregation of a wealthy parish.  His superiors would hear none of it St. Pat’s needed a charismatic priest that was a good orator and God knew Jack could preach and tell stories better than most. 

At first Jack didn’t take well to his new surroundings, the outward richness of his new assignment rankled him, that is until he came to know the less fortunate that attended St. Pat’s, the homeless that came in to get warm, the children that had nothing and nowhere to go, he threw himself into making their lives better and if he took from the rich to give to the poor so be it.  There were many times when he bumped heads with his superiors, but he stayed at St. Pat’s and was eventually elevated to Monsignor and then Bishop.
 
Ultimately he was forced to retire and he railed against it, he felt he still had something to offer and sitting around in a rocking chair just wasn’t his style.  He was very fit for his age walking several miles everyday accompanied by his ever present walking stick.  As a youth he had taken up Irish stick fighting and had gotten into the habit of always having it with him.  Many an altercation had been ended by the practiced application of that stick. 

Just before he had been about to leave St. Pat’s he met Jacob Wells and a whole new world was open to him.  He grabbed at the chance to be useful among the people who lived below the city becoming a part of them.  He and Jacob became great friends sharing a passion for chess, and to Jacob’s utter delight Jack was only a mediocre player.  He set up a non-denominational chapel in one of the good sized chambers below the central hub of the community where people could come and sit in quiet meditation.  If people needed someone to listen to their woes, he was there for them.  If they needed help, he offered advice.  His experiences were vast and when he and Jacob got together to tell stories everyone gathered eagerly to hear them.  His friendship filled the void that was left in Jacob’s life as Vincent spent more and more of his time with Catherine. 

Submitted by OOWhiz, who says "This character showed up in the first story I ever wrote."





ClaraClara

Submitted by Poetrymischief



Daniel, age 8 & David, age 12

Submitted by Angela/Dilliedallie




random tunnel dweller

Sam

Submitted by Poetrymischief


Evangeline

Submitted by Rosemarie S.



screencap of little girlLu Anna

Submitted by Poetrymischief


Fortunato

Vincent e i suoi amici guardavano estasiati le lame dei loro pattini da ghiaccio, così perfette e scintillanti. Non vedevano l’ora di andare a pattinare sul laghetto ghiacciato che si trova poco lontano dall’entrata del tunnel nel parco. Ma dovevano aspettare la sera, solo con il buio Vincent poteva uscire allo scoperto e godersi così qualche attimo di libertà nel Mondo di Sopra. Padre naturalmente era contrario ma non poteva sempre negare a Vincent di vivere questa gioia così si raccomandò con Devin e con gli altri bambini di prestare la massima attenzione affinché non succedesse nulla di male.
Ma chi aveva rimesso a nuovo i loro vecchi pattini mezzi arrugginiti?
Si chiamava Fortunato, un italiano o meglio un abitante di Erto o meglio ancora un Ertano. Ma cosa ci faceva un Ertano a New York nel Mondo di Sotto? E poi era davvero fortunato? Questa è la sua storia.

Fortunato era un abile fabbro che abitava a Erto nella località chiamata Spesse, il regno degli artigiani. Esperto nel confezionare asce e coltelli, se la cavava bene anche come artista e le sue statue in ferro battuto erano dei piccoli capolavori. Con il suo duro lavoro però riusciva a malapena a mantenere la sua numerosa famiglia. Aveva ben cinque figli a cui pensare! La costruzione della diga sul Vajont fu una vera manna per il nostro artigiano che essendo un omone grande, grosso e pieno di energie decise di andare a lavorare come operaio specializzato. Lavorava dieci ore al giorno e a volte anche di più. Pagavano bene soprattutto gli straordinari. La domenica invece, per non perdere la mano, riprendeva il suo vecchio lavoro. La sua amata moglie invece riuscì a farsi assumere come cuoca alla mensa degli operai. Il tenore di vita della famiglia di Fortunato era decisamente migliorato.

Una volta finiti i lavori alla diga si dedicò anima e corpo al suo vecchio lavoro. Realizzava soprattutto piccoli lavori in ferro battuto da vendere ai turisti. Fortunato aveva sempre sognato una vita migliore per la sua famiglia e quel lago e quella diga erano la loro fortuna. Aveva in mente di aprire un piccolo ristorante, la moglie era una brava cuoca e i figli erano pronti ad aiutarlo. Voleva fare un regalo tutto speciale a quei bravi figlioli. Decise di comprare un televisore, un lusso per quei tempi. La sera del nove ottobre 1963 andò a Cimolais, un paese vicino a Erto. L’aspettava un amico che si era recato in mattinata a Pordenone da un suo conoscente rivenditore a comprare il televisore. Andarono a festeggiare in un’osteria. Si era fatto tardi, Fortunato doveva rientrare a casa. L’amico caricò il televisore in macchina e accompagnò Fortunato a casa. Nessuno dei due però sapeva quello che era successo una ventina di minuti prima.

Lungo la strada nei pressi di Erto incontrarono persone disperate che correvano all’impazzata. Scesero dalla macchina e nell’aria c’era uno strano odore di terra bagnata e piante sradicate. Corsero in direzione di Spesse ma alcuni amici li fermarono. Spesse non esisteva più. L’acqua aveva portato via quella fetta di paese che si trovava in una posizione più bassa rispetto al centro storico. Fortunato disperato volle raggiungere la sua casa a tutti i costi ma finì nel fango, non c’era che fango. In pochi secondi Fortunato perse moglie, figli, genitori, la famiglia di sua sorella, la sua casa... e il suo bel sogno.

Rimase completamente solo e il suo amico di Cimolais lo ospitò per alcuni giorni. Fortunato però voleva andarsene, dimenticare, così si unì a un suo compaesano che aveva anche lui perso tutto e deciso di raggiungere dei cugini negli Stati Uniti. Si imbarcarono su un aereo. Ma Giangi durante il tragitto morì d’infarto. Fortunato arrivò negli Stati Uniti ancora più disperato di prima, non sapeva una sola parola d‘inglese. Giangi riusciva a masticare qualcosa ed aveva promesso al suo amico di aiutarlo a trovare un lavoro. All’aeroporto, i cugini di Giangi, già seccati di dovere occuparsi della salma del loro parente, non s’interessarono minimamente di lui. Fortunato usò quei pochi risparmi che gli erano rimasti per raggiungere New York e pagarsi una piccola pensione di quarta categoria. Non trovò un lavoro e ben presto fu cacciato da quella pensione ed iniziò a vagabondare per Central Park. Faceva molto freddo quella sera e quel laghetto era molto invitante. Pensò di buttarsi così avrebbe raggiunto la sua famiglia. Fortunato si buttò ma poi si pentì e tentò di raggiungere la riva. Riuscì ad afferrare un ramo ma l’acqua ghiacciata lo aveva in parte paralizzato e non riuscì più a muoversi.

Vincent e i suoi amici stavano per raggiungere il laghetto. Volevano pattinare sul ghiaccio con i loro vecchi pattini arrugginiti. La temperatura era scesa sotto lo zero ma il laghetto non era ancora completamente ghiacciato per accogliere dei pattinatori, così Devin decise di tornare a casa. La vista acuta di Vincent si soffermò sulla sagoma di un uomo a metà immersa nell’acqua che giaceva immobile sull’altra sponda del lago. I bambini si precipitarono ad aiutare quel poveretto. Lo portarono all’interno del tunnel e Devin accese un fuoco con della spazzatura e dei vecchi giornali. Lo coprirono con i loro giacconi mentre Vincent batteva un messaggio di aiuto a Padre. Il vecchio, che quella volta era un po’ più giovane, arrivò in fretta e furia e constatò che il caso era grave così decise di portarlo nel Mondo di Sotto.

Fortunato rischiò di perdere le gambe ma Padre fece l’impossibile per evitare che questo accadesse. Quando Fortunato riprese i sensi si ritrovò circondato da quelli che sarebbero diventati i suoi nuovi amici. Grazie ad un aiutante di origine italiana, Fortunato si presentò e parlò un po’ di sé. La sua storia colpì i cuori di tutti quanti. Avevano letto qualcosa sulla tragedia del Vajont pochi mesi prima e mai e poi mai avrebbero immaginato di ospitare un giorno nel loro Mondo un abitante di quella zona.

Il passato non si poteva cancellare ma Fortunato ebbe modo di costruirsi un futuro nella sua nuova casa insieme ai nuovi amici. Il clima che regnava in quella casa sotterranea gli ricordava molto la sua Erto prima della costruzione della diga. Un paesino quasi dimenticato dal resto del mondo dove gli abitanti trascorrevano un’esistenza semplice e le famiglie si aiutavano fra di loro. Nel Mondo di Sotto c’era bisogno di un buon fabbro che potesse anche insegnare l’arte a dei successori. La prima cosa che realizzò fu quella di rinnovare le lame dei pattini da ghiaccio dei suoi amici bambini che un freddo giorno di dicembre lo salvarono. Ogni volta che il suo sguardo incrociava quello di Vincent, non poteva fare a meno di commuoversi. Quegli occhi speciali gli avevano salvato la vita.

Fortunato non ritornò mai più nel suo sperduto paese di montagna.

Submitted by Dany




drawing of Falk

Falk

Submitted by Eva


Manuel

Submitted by 222333

ReginaldReggie: screen cap from God Bless the Child

Submitted by Tunnelmom



Do you know these people?

So many tunnel dwellers! So few of them who were introduced to us. These and many others like them hide in the corners of the episodes. Maybe you could pick one of these or others from the episodes and tell us all about him or her?


  random tunnel dweller with a lantern
 

(Well, yes, we know that's Pascal in the center of that last picture. Don't be a smart-aleck.)

 

And let's not forget the ladies from the Pilot...